top of page

L'UFFICIO DELLE TENEBRE

Un rito teatrale collettivo in tre movimenti

"Se questa è la loro giustizia

se questo è il loro tribunale

noi cosa c’entriamo?"


Una nuova trilogia, un processo che l’assemblea degli animali rivolge alla memoria del 900; un lavoro che indaga il ricordo collettivo, la storia operaia di Vallecascia, e i nuovi dibattiti sull’ecologia dell’immaginazione. Un rito teatrale che coinvolge ancora una volta l’intera comunità.

IN QUEST'ORA RIPIDA

Nel cortile di una grande fabbrica di mattoni, nei giorni del crollo dell’ultima ciminiera, s’incontrano le vicende  di bestie,  operai, ribellatori, padroni e guardie al disarmo. 
 
L'ora è ripida. La sirena lo annuncia: c'è un compito a cui ognuno sembra convocato; un ufficio delle tenebre. A turno, mentre Scantaocchio sta preparando la sua rivolta, le bestie prendono parola. Fanno il processo alla cronaca terrestre: agli uomini, alle  rivoluzioni, ai terrori e alle loro scottature. Fanno il processo sapendo che lo perderanno, come è già avvenuto. 
 
Al centro, su un letto di ferro, giace Lisa, colei che continua a dimenticare; è un secolo   addormentato nel proprio trapasso, con la placenta ancora gonfia di miserie. 
 
Da qualche parte, intanto, l’Edera ha iniziato ad arrampicarsi sulla storia.

bottom of page