i fumi della fornace text white.png

COMINCIAMENTI

«Il poeta di fiabe è  un veggente dell'avvenire»

Novalis

Abbiamo chiamato questa festa I fumi della fornace da una diceria che indicava i fumi prodotti dall’ex fornace Smorlesi come la causa dell’eccentricità e delle doti artistiche dei ragazzi e delle ragazze di Valle Cascia, una piccola frazione in provincia di Macerata.

Una favola di stortura che diventa mito di fondazione, secondo battesimo indirizzato contro ogni natura certa. L'intero luogo è investito da questo movimento battesimale mai conciliato con se stesso: una festa come perenne ricominciare. Nelle parole di Deleuze:

 

«Tutto questo presuppone chiaramente che la formazione del mondo sia a due tempi, a due livelli, nascita e rinascita, che la seconda sia tanto necessaria ed essenziale quanto la prima, quindi che la prima sia necessariamente pregiudicata, nata per una ripresa e già rinnegata in una catastrofe. Non vi è una seconda nascita poiché ha avuto luogo una catastrofe, ma all'opposto c'è catastrofe dopo l'origine poiché vi deve essere, a partire dall'origine, una seconda nascita.» Gilles Deleuze, Cause e ragioni delle isole deserte

Così, da luogo perdutamente catastrofico, Valle Cascia diviene laboratorio di riedificazione immaginale: un tentativo - in presa reale - di ricostituzione del mondo, e dunque una formula insieme duratura e solubile. Ogni intervento sul territorio è la coltivazione e l'arrovescio dell'etimo di partenza: il parco di querce secolari, la fornace di mattoni, le vecchie fonti in disuso… tutto portato a seconda vita. I fumi - scaturiti dalla cottura dei mattoni che un tempo producevano plusvalore - oggi sono divenuti fumi favolosi dai quali vogliamo partire per ribaltare la geografia della comunità.

Favoloso è proprio questo spiegamento di possibilità che aureola le cose, restituendo evidenza a ciò che non riusciva più a mostrarne,  scongiurando l’idea dell’estinzione, fenomeno che tormenta la nostra immaginazione come un miasma. È bene muoversi altrove: produrre insorgenze contro il morire del giorno, abbattere il paravento che separa i diversi tempi, risvegliare quanto si credeva defunto attraverso un’archeologia del possibile, evitando le lusinghe della più facile attualità. Prestare giuramento al mondo non significa infatti sposare una quotidianità straparlata, ma piuttosto lacerare il tessuto del presente affinché il transito delle immagini diventi più agevole.

 

Saper orchestrare le immagini che ci stanno attorno è una disciplina severa, perché ciò che andiamo costruendo per mezzo di esse ha un risvolto effettivo sul mondo. John Byrom, un poeta inglese del XVIII secolo, ammoniva contro lo scadimento dell’idea dell’immaginazione. Ripartiamo da qui:

 

L’immaginazione, benché sembri un’inezia

Gravida di conseguenze, prolifera la sua stessa creazione.

Crediamo che desideri e vagheggiamenti siano un gioco

e così dissipiamo facoltà di gran momento! Sono taglienti gli strumenti coi quali così ci trastulliamo

E scalcano per noi realtà profonde.

 

 Ecco la nostra responsabilità. 

Occorre inventare la città come manifesto sussultorio, per rompere i programmi da troppo tempo fissati nel cemento. Occorre pensare la casa come "luogo eletto a dimora del proprio nomadismo", cantiere a cielo aperto e viva fornace, affinché tutto sia fatto per bruciare. Occorre disinquinare, anzi spurgare le immagini dall’amianto che le attanaglia (questo il mestiere del poeta-architetto nel Theatrum Mundi). Occorre infine piegare il patto dei divorzi, della separazione tra uomo e ambiente.

DSC01808 copy.jpg
 

OBIETTIVI

La comunità di Valle Cascia conta 400 abitanti e, sebbene così piccola, convive con una fornace abbandonata dal 2012 e diverse problematiche ambientali. Questi i nostri obiettivi:

  • I fumi della fornace traggono dall’arte le risorse per attivarsi verso una direzione condivisa, restituendo la dovuta attenzione alle questioni ambientali, e vogliono essere modello per tutte quelle comunità in difficoltà come Valle Cascia; 

  • La festa è occasione di riscoperta poetica del territorio per una riattivazione e ri-sensibilizzazione di quei luoghi dimenticati - che qui sono invece trasformati in laboratori a cielo aperto;

  • L'arte e la poesia sono strumento necessario per reinventare il senso del luogo in cui viviamo

«Un’ecosofia di tipo nuovo, pratica e speculativa nello stesso tempo, etico politica ed estetica. […] Nuove pratiche sociali, nuove pratiche estetiche, nuove pratiche di sé nel rapporto con l’altro, con lo straniero, con il diverso» 

(Félix Guattari, Le tre ecologie)

IMG_5236.jpg
 

LA FESTA

La festa dei Fumi della fornace si svolge per tre giorni alla fine di agosto. La festa è gratuita, libera, sostenuta da donazioni e contributi pubblici, ed è organizzata senza scopo di lucro dall’Associazione culturale Congerie.

 

Il programma prevede ogni anno artisti, poeti e musicisti che offrono spettacoli teatrali, concerti, letture poetiche, mostre personali, collettive e seminari. Nei mesi estivi che precedono si organizzano percorsi didattici, laboratori di teatro e architettura.